Cane coltivata, il ddl è legge: scatta il divieto di produzione ed immissione sul mercato

Cane coltivata, il ddl è legge: scatta il divieto di produzione ed immissione sul mercato
di

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha promulgato oggi il disegno di legge del Governo sullo stop alla produzione ed immissione della carne coltivata.

Il DDL, nella fattispecie, contiene “disposizioni in materia di divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi costituiti, isolati o prodotti a partire da colture cellulari o di tessuti derivanti da animali vertebrati nonché di divieto della denominazione di carne per prodotti trasformati contenenti proteine vegetali”.

A comunicarlo è stato il Quirinale, in una nota dove spiega che il Governo Italiano ha trasmesso il provvedimento con tanto di lettera in cui si spiegava che è il disegno di legge è stato notificato alla Commissione Europea. Parallelamente, è anche arrivato l’impegno a conformarsi alle eventuali osservazioni che la Commissione Europea dovrebbe formulare durante tale processo di notifica.

Come noto, infatti, la carne coltivata in laboratorio insieme alle proteine da insetti rientrano tra i novel food della Commissione Europea. La scelta del Governo di procedere con la notifica non è una novità in quanto tutti i progetti di legge che potrebbero ostacolare gli scambi commerciali tra i paesi che rientrano nel Mercato Unico devono essere notificati a Bruxelles che, qualora dovesse ritenere che ci sia questo ostacolo, potrebbe anche procedere con una procedura d’infrazione.

La firma del DDL arriva a qualche mese di distanza dal via libera del Senato allo stop alla produzione ed importazione della carne coltivata.